ArtStyle

IMPERMANENTE 23

MINIMAL

Fabrizio FABBRONI

MINIMAL

opere di
Fabrizio FABBRONI

introduzione di
Giovanna BRENCI

15.02.2017 – 21.05.2017


FABRIZIO FABBRONI – BIOGRAFIA

Architetto, nasce a Perugia dove vive. Come artista inizia la sua attività nel 1972 realizzando sculture in legno d’olivo, è uno sperimentatore su materiali e tecniche diverse, ha partecipato a numerose mostre collettive e realizzato mostre personali in varie località italiane ed estere. Le sue opere si ispirano alla sperimentazione, alla libertà del segno, allo studio di testi antichi, su materiali disomogenei: dalla ceramica al legno, dalla carta al MDF, dalla cartapesta al gesso. Sue opere sono in varie Collezioni Private e Musei italiani e stranieri. Presso l’Accademia di Belle Arti di Perugia è stato Direttore dall’anno 2006 all’anno 2009 e Vice Direttore dall’anno 1999 all’anno 2003 e nell’ anno 2005, è stato Docente della Cattedra di Scenografia dal 1980. Dal gennaio 2013 è Presidente della Fondazione Fabbroni. Come Architetto è stato “project manager” nella progettazione del “Museo Paleontologico di Pietrafitta”, Direttore Artistico nella fase di realizzazione, progettista e direttore dell’allestimento interno; progettista del Piano Regolatore del Comune di Piegaro, progettista del Parco Naturalistico-Archeologico della “Città Fallera” con il recupero ambientale di una cava in attività; progettista e direttore dell’allestimento del Museo della Canapa di S. Anatolia di Narco e della Pinacoteca, presso Palazzo Pietromarchi, Comune di Marsciano. Come esperto ambientale ha progettato il recupero e reinserimento ambientale di cave, di parchi e giardini, e, come consulente, fatto parte di numerose commissioni edilizie comunali. Svolge attività come designer progettando stand espositivi, moduli decorativi in ceramica per l’architettura di interni ed esterni, oggetti di arredo ed elementi per esposizioni. Come scenografo ha progettato scenografie per opere teatrali, televisive e cinematografiche, ha curato gli allestimenti per numerose mostre d’arte e tematiche, suo l’allestimento del primo evento di “Terra di Maestri” a Villa Fidelia di Spello.   Cura personalmente l’allestimento e la presentazione delle proprie mostre personali.

Elenco mostre personali

Personale “KRIPTOS”   presso la Galleria “Spazio Possibile” opere   ispirate alla scrittura     ermetica – Perugia (1992) Pubblicazione opera su copertina rivista “Regione Umbria” (1992)

Personale “RETROSPETTIVA” presso il Centro Culturale   – Gualdo Tadino, opere realizzate con tecniche varie (1992)

Personale “ALLEGORIE D’AMORE” presso il Torrione di S. Maria– Corciano,   opere ispirate alle favole egizie (1994)

Personale “MUSICA, SEGNO E MATERIA” – Scuola di Lingue   Estere   dell’Esercito a S. Giuliana – Perugia, opere in tecnica mista – con altro artista   – Testo critico di Franco Bozzi e contributo critico di Edgardo Abbozzo (1998);

Personale “LA VOCE DELLA PIOGGIA È LA MIA VOCE” – Sala Vincioli –Agello, opere realizzate su lastra di legno, carte incollate e colore ispirate a poesie degi Indiani Navajos (1999);

Personale “PORTA DI ACCESSO” – galleria Spazio Possibile – Perugia, opere realizzate su calchi in gesso trattato, rame ossidato, oro zecchino (2004);

Personale pleine air “OPERA UNICA” – Ponte d’Oddi – Perugia, 200 opere numerate su carta “fatta a mano” dal Maestro Franco Conti, con tecnica mista e foglia d’oro zecchino (2005);

Personale “RETAGGI” – Museo della Canapa- Sant’anatolia di Narco- opere in ceramica e canapa (2010), curatrice Marina Bon Valsassina, organizzazione Comune di Santa Anatolia di Narco(PG) (2010);

Personale “COME PER INCARTO” – Piano Nobile Palazzo della   Provincia – Perugia – opere in ceramica a tecnica mista (10.10.2010), curatrice Marina Bon Valsassina, organizzazione Provincia di Perugia;

Personale “GLI SCUDI DI GIASONE” – Museo delle mura urbiche, Cassero di Porta Sant’Angelo – Perugia – opere in carta pesta e tecnica mista (11.11.2011), curatrice Marina Bon Valsassina, organizzazione Comune di Perugia;

Personale “I RICORDI FUTURI” – Ex chiesa di Santa Maria della Misericordia – Perugia – 4 pannelli di grandi dimensioni di opere fotografiche (12.12.2012), testi critici Antonio Senatore, Giancarlo Belfiore, Paolo Marcucci, organizzazione Comune di Perugia;

Personale “CRAZY” – Arredamenti Mandarini, “Spazio arte” – trenta opere sperimentali su carta e su faesite, testo critico Floriana Lenti;

Personale “Punto d’Incontro” – Sala Anselmo Anselmi, Viterbo (maggio 2016), patrocinio della Provincia di Viterbo, opere sperimentali su cartone e sculture in ceramica;

Personale “Dal presente al…….” – Torre Civica di Nocera Umbra (luglio/agosto 2016) – cinque opere su temi sociali di varie dimensioni e tecniche, supporto carta velina incollata su bamboo;

Personale “Saggi su Mdf” – Centro Civico “Oltrisarco Aslago”,Bolzano (settembre 2016) – tre serie: “Tramonti” (6 opere); “Pergamene”(6 opere); “Opposti”(8 opere); opere realizzate su mdf in tecnica mista.

Elenco di alcune mostre collettive dal 2007:

Collettiva “Terra Di Maestri” con l’opera “A CENA DA TRIMALCIONE” (donazione ABA Perugia) Villa Fidelia Spello (2007)

Collettiva itinerante “All You Need Is Paint-Beatles Fes”, con l’opera “Yellow submarine”, organizzata dalla Compagnia Artisti di Sansepolcro, mostre a Piacenza, Torino, Brescia, Viterbo, Milano, Napoli, Genova, ecc…….(2013/2014/2015/2016)

Collettiva itinerante “Veleni” con l’opera “HTCPO”– organizzata dall’Accademia Dialetti Visivi, Bolzano (2013)

Collettiva “Chiedilo alla natura”, organizzata dall’ass.ne TribùToGreen, palazzo della Corgna, Città della Pieve, con le opere “nature”, colori naturali su carta fatta a mano, (2013)

Collettiva internazionale “Human rights?’ #migrantes”, organizzata da SpazioTempoArte, Rovereto, Museo campana del caduti, con opera selezionata “Migrantes”, stendardo in tela, con fotocopie e tecnica mista (2013)

Collettiva “Dolomia”, con l’opera “Percorsi”, organizzata dall’Accademia Dialetti Visivi, Bolzano (2014)

Collettiva internazionale, “Human rights?’ #memento”, organizzata da SpazioTempoArte, Rovereto, Museo campana del caduti, con opera selezionata “11541”, polittico in legno, con fotocopie e tecnica mista (2014)

Collettiva itinerante “Materia e sapere” organizzata dall’ass.ne Spazio 121, con l’opera “racconti”, Calcata, Viterbo (2014)

Collettiva itinerante “Materia e sapere” organizzata dall’ass.ne Spazio 121, con l’opera “racconti”, Campello sul Clitunno (2014)

Collettiva “Human rights?’ #la casa della pace”, organizzata da SpazioTempoArte, Rovereto, Museo campana del caduti, con opera selezionata “La campana suona in lontananza”, tecnica mista su carta(2015)

Collettiva itinerante   “Terra Mia” e “Veleni”, organizzazione Accademia dialetti Visivi, Europalce Hotel di Montefalcone (2016)

Collettiva “Human rights?’ #diversity”, organizzata da SpazioTempoArte, Rovereto, Museo campana del caduti, con opera selezionata “Impronte d’artista”, tecnica mista su tavolette di legno (2016), sponsorizzazione AIAPI(Unesco)

Collettiva “Arte alla torre”, organizzazione Ass.ne Casa degli Artisti, Torre Civica di Nocera Umbra (2016)

Collettiva “La materia della Pittura” organizzazione Ass.ne Accademia Dialetti Visivi, Foyer del nuovo teatro, San Giacomo di Laives (2016)

Collettiva “La materia della scultura” organizzazione Ass.ne Accademia Dialetti Visivi, Foyer del nuovo teatro, San Giacomo di Laives (2016)

INTRODUZIONE A CURA DI GIOVANNA BRENCI

MINIMAL

Da Cryptos, prima personale di Fabrizio Fabbroni, sono passati quarant’anni. Una parabola artistica che ha visto Fabbroni dedicarsi a molteplici discipline artistiche come l’architettura e il design, alle quali ha affiancato i ruoli di docente e direttore dell’Accademia di Belle Arti di Perugia. Dal 2010 il lavoro dell’artista è volto interamente alla sperimentazione più libera: dalla scultura ceramica alla fotografia fino a sperimentare le potenzialità della cartapesta. Tuttavia, la vera ricerca trova espressione nel colore: la materia, la sua miscela, le teorie connesse, i cui esiti sono stati esposti in mostre personali in tutta Italia.

Dall’esperienza maturata nel mondo dell’arte e la conoscenza dei suoi meccanismi, Fabbroni ha elaborato alla fine del 2016 IO VAGABONDO, progetto che propone un diverso modo di concepire l’esposizione di opere e l’arte stessa, vale a dire come “errante”. Questo perché ci si accorge sempre più che l’arte non deve essere considerata cosa per pochi esposta in luoghi deputati, ma entrare nella vita quotidiana di ognuno invadendo gli spazi normalmente frequentati per svolgere attività di ogni tipo. Se le mostre sono sempre meno seguite, l’artista e il suo lavoro si muovono verso il pubblico, entrano in spazi commerciali e luoghi di consumo, costringendo le persone ad interagire e farsi un parere in merito a ciò che gli viene presentato. Questo uscire dai luoghi deputati esclusivamente all’arte non vuole sminuirne il valore o il senso, ma anzi vuole raggiunga un pubblico sempre più vasto, un po’com’era in passato, quando i grandi cicli d’affreschi nelle chiese o palazzi pubblici avevano lo scopo di educare, raccontare storie in maniera diretta e comprensibile. L’immagine prima della scrittura come linguaggio universale: tornare a questo concetto riletto in chiave contemporanea. Entrare in luoghi inusuali per rendere il messaggio dell’arte e la cultura fruibile a chiunque, semplicemente volgendo lo sguardo alle opere d’arte magari mentre si fa uno shampoo o si fa spesa, o si consuma un pasto.

Per ArtStyle Gallery, Fabbroni ha scelto la Minimal, serie da cui trae il nome la mostra stessa, piccole opere dove la sperimentazione sul colore diviene fulcro e soggetto. L’artista crea i propri colori, vernici e lacche, una capacità posseduta ormai da pochi artigiani; capacità che Fabbroni ha ereditato dal padre, esperto restauratore. Grazie a quest’ultimo la passione per l’arte è cresciuta sempre più forte in questo artista.

Evoluzione delle precedenti sperimentazioni sui “processi opposti di colore”, teoria sulla percezione del colore elaborata dal fisiologo tedesco Ewaldd Hering nel 1878. La ricerca estetica in Minimal si concentra sul colore, non solo per le proprietà ottiche ma anche materiche, attraverso le quali la pittura abbandona la seconda dimensione per creare addensamenti e grumi sulla superficie lavorata con spatole, pennelli e altri strumenti talvolta casuali o estranei alla pittura. Una pittura materica, che ha di per se valore estetico senza pretese di evocare concetti d’arte astratta o informale, ma evocare sensazioni e godimento estetico per il solo essere. La tridimensionalità è aumentata ancor più dalle applicazioni metalliche, che volutamente catturano e deviano l’attenzione dello spettatore in particolari punti dell’opera guidandone in tal modo la lettura e la fruizione estetica.

Una delle opere esposte rientra, invece, nella serie dei Tramonti (2016), frutto della sperimentazione di un supporto inusuale: MDF, un materiale povero e di recupero. Sostituendolo alla tela o tavola, i supporti classici per la pittura, l’artista lo eleva da materiale “povero” a “nobile” in quanto parte dell’opera d’arte. I Tramonti nascono da una passione di Fabbroni, quella di fotografare i tramonti sul lago Trasimeno; un luogo caro all’artista, mistico per le emozioni e di riflessioni suggerite, specie in questo momento del giorno, inteso non come volgere ma anticipazione del nuovo giorno. L’opera esprime i colori puri della natura fusi nei riflessi dati dal sole che si arrossa prima di sparire all’orizzonte, creando effetti di vibrazione e crettature materiche formatisi durante l’essiccazione dell’emulsione tra colore ad olio e acqua.

CUTSTYLE Parrucchieri | Via Eugubina, 2 B/C – 06122 – Perugia | P.IVA 03178920546 © Copyright – Tutti i diritti sono riservati

Potrebbe piacerti...