ArtStyle

IMPERMANENTE 10

PIZZICATA

Laura PATACCHIA

PIZZICATA

opere di
Laura PATACCHIA

introduzione di
Giovanna BRENCI

17.04.2013 – 14.07.2013


LAURA PATACCHIA – BIOGRAFIA

Laura Patacchia nasce a Terni nel 1974.

Frequenta l’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” di Perugia.

Da sempre, il suo lavoro è caratterizzato dalla presenza di elementi filiformi intrecciati. Fili che riempiono lo spazio espositivo limitando la mobilità del corpo o le cui tensioni sostengono immagini e oggetti che imprigionano, in una concezione di “disegno spaziale”.

Mostre collettive: 2012: Contemporaneamente insieme, Palazzo Primavera (TR); Flora and Fauna, Sculpture Garden, Burghley; Red Art, Accademia Nazionale della Civetta, (PG). 2011: Sonno, Palazzo della Penna, (PG); Abitualmente, Galleria Duet (VR). 2010: La leggerezza della scultura, Parco dell’Arte, Cerrina; El sueno de la razon produce muestras, Centro per le Arti Visive Trebisonda, (PG). 2009: Arte al cubo, Palazzo Mazzancolle, (TR). 2008: Arrivi e partenze, Mole Vanvitelliana, (AN); Le arti in città, Museo delle Mura Urbiche, (PG). 2007: L’arte per il costruire, Conegliano; Nutrimenti, (TR); Terra di maestri, Villa Fidelia, Spello, (PG). 2006: MetaMetà, Orvieto (TR); L’arte per il costruire, Treviso. 2005: Disegni e bozzetti, Galleria Extra Moenia, Todi; Il Collezionista, Galleria Galliata, Albissola. 2004: Filigrane, Ex Chiesa Anglicana, Alassio; Premio Paraxo, Andora; All’ombra di Bramante, Todi; Lucidamente, Fortezza Palmaria, Palmaria. 2003: EX, Centro per le Arti Visive Trebisonda, (PG); Al di là del visibile, Fortezza Medicea del Grifalco, Cortona; Filigrane, Museo della Ceramico M. Trucco, Albissola; Linea Umbra_01, Flash Art Museum, Trevi. 2002: De mentis ortis, Palazzo Collicola, Spoleto. 2001: Cartusia, Certosa di Pontignano, Siena; Numero Zero, Centro per le Arti Visive Trebisonda, (PG); Biennale Giovani Artisti del Mediterraneo, Museo Nazionale di Arte Moderna, Sarajevo. 2000: Riflessioni sulla natura, Orto Botanico, (PG); Wellcome Bienvenus, Acquario di Genova. 1999: Accademia di Belle Arti, Rocca Paolina, (PG); Scena impossibile, Teatro Persico Flacco, Volterra. 1998: Inconvento, Cetona. 1997: SimonaLorenzaLaura, GalleriaAtelier, (PG); Rigalgata, Gubbio. 1996: Linearmente, Galleria Atelier, (PG); Santa Giuliana, Chiesa di S. Giuliana, (PG).

Mostre personali: Filiforma verde 02, Pitti Immagine Filati, (FI). 2006: Filiforma verde 01, Pitti Immagine Filati, (FI). 2005: Filiforma in cachemire, Pitti Immagine Filati, (FI); E io che me le portai al fiume, Galleria En Plein Air, Pinerolo. 2002: Nove al cubo, Galleria Aletheia, (PG). 1999: Gabbia, Galleria Aletheia, (PG).

INTRODUZIONE A CURA DI GIOVANNA BRENCI

INTRECCIANDO L’ARIA

Il FILO! Tessuto, ricamato, elastico o metallico, contraddistingue e rende inconfondibile sin dalle prime esperienze le opere di Laura Patacchia, artista dalla spiccatissima sensibilità che ha trovato nell’elemento filiforme intrecciato le qualità necessarie per esprimere la propria creatività artistica. Trame e orditi intessono piccole superfici o si espandono invadendo interamente lo spazio che le accoglie limitando la mobilità del corpo umano – e qui è di dovere un omaggio a Marcel Duchamp il quale, già nel 1942 in occasione della mostra newyorkese First Papers of Surrealism, realizzò l’installazione Mile of String dove 1.609 metri di spago ininterrotto percorreva liberamente lo spazio della galleria impedendo ai visitatori di accedervi.

Una ricerca, quella di Patacchia, estremamente aggiornata e in linea con le tendenze dell’arte contemporanea sia per i materiali usati sia per gli esiti raggiunti ma che, tuttavia, sembra sottendere al recupero, in chiave sentimentale e romantica, di pratiche antiche e tradizionali come il ricamo e l’arazzo. Nelle mani di questa Aracne contemporanea il singolo filo diventa un qualcosa di altro, si avvolge, contorce e s’intreccia poeticamente dando vita ad arazzi, tele che fluttuano nell’aria lievi ed effimere, creando installazioni sempre in strettissima relazione con lo spazio che le ospita.

La pratica acquisita nel tempo permette all’artista di muoversi velocemente attraverso gesti ormai automatici che intessono l’aria in rigide strutture geometriche o forme più libere dalla costruzione elementare, il cui sviluppo non segue mai uno schema predefinito ma piuttosto si evolve e prende forma nel suo stesso farsi. È il filo stesso che, a mano a mano, suggerisce l’intreccio successivo in modo tale che l’opera non tenda a perdere equilibrio e senso di leggerezza.

Così come il ragno, che intesse la sua rassegnatela nei punti strategici dello spazio in cui si trova per catturare le prede e avvolgerle nella tela, allo stesso modo Patacchia studia innanzitutto le possibili soluzioni offerte dal luogo espositivo per costruire le proprie installazioni, alle quali poi lavora inglobandovi oggetti trovati in loco per conferire maggiore sinergia tra opera e spazio circostante.

In merito alle due installazioni site specific, realizzate dopo una meditata osservazione della piccola sala di ArtStyle Gallery, l’artista ha scelto per la mostra il titolo simbolico-ludico Pizzicata il quale allude e rimanda a significati diversi che lo spettatore è libero di interpretare.

Patacchia ha voluto quindi giocare, creare divertissement artistici dove il richiamo al normale utilizzo dell’attività commerciale è sottolineato sia dall’applicazione di bigodini colorati che sembrano espandersi liberi nell’aria, danzare disordinati e allegri una “pizzica”, sia da “ciocche” di filo colorato e di rame, le quali ricadono sciolte come fossero veri e propri capelli.

Lo spettatore dunque è libero di scegliere un personale punto di vista privilegiato ma, contemporaneamente, sono le opere stesse ad esigere di essere ammirate in ogni loro sfaccettatura in modo da poterne cogliere il rapporto dinamico con l’ambiente grazie anche ai delicati giochi di ombre proiettate dalle luci sulle pareti retrostanti creando nuove forme inaspettate e sorprendenti.

CUTSTYLE Parrucchieri | Via Eugubina, 2 B/C – 06122 – Perugia | P.IVA 03178920546 © Copyright – Tutti i diritti sono riservati

You may also like...